Mal di schiena con sciatica, iniziare subito con terapia fisica porta a risultati migliori secondo studio

Secondo un nuovo studio apparso su Annals of Internal Medicine, iniziare subito la terapia fisica nei pazienti con dolore alla schiena di recente insorgenza e relativa sciatica può essere più utile di una eventuale attesa, ad esempio per capire l’evoluzione dei sintomi e cercare di porre rimedio con terapia abituale.
I ricercatori della University of Utah Health hanno svolto il proprio studio su 220 soggetti adulti per i quali il mal di schiena con sciatica era iniziato nel corso degli ultimi 90 giorni. I soggetti venivano assegnati in due gruppi casuali e per entrambi i gruppi l’esperimento durava quattro settimane: il primo gruppo, dopo la visita iniziale, doveva iniziare subito una terapia fisica mentre i membri del secondo gruppo dovevano restare in attesa e rimanere attivi se possibile per poi cercare di mettere in atto cure aggiuntive alla fine delle quattro settimane.

Tra le tecniche utilizzate dai fisioterapisti per i soggetti del primo gruppo c’erano esercizi e tecniche manuali tra cui la mobilizzazione spinale pratica. I pazienti dovevano riferire, dopo le quattro settimane, dopo sei mesi e poi dopo un anno, sul livello del dolore e sull’impatto del dolore sulla loro vita quotidiana e sulle principali azioni tra cui la capacità di prendersi cura di se stessi e le interazioni sociali.
I pazienti che avevano iniziato subito la terapia fisica dopo la visita iniziale riportavano livelli di disabilità inferiori rispetto a quei pazienti che avevano invece intrapreso l’approccio attendista. Le differenze, come rileva il comunicato stampa che presenta lo studio, tra i due gruppi risultavano “clinicamente significative”. I membri del gruppo che aveva ricevuto subito la terapia fisica mostravano probabilità maggiori di auto riferire il successo del trattamento anche dopo un anno (45,2%) rispetto ai membri del gruppo attendista (27,6%).

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook