Malaria può essere eliminata entro 2050 secondo esperti

La malaria può essere realisticamente eliminata già entro il 2050 secondo un rapporto pubblicato dalla Commissione Lancet che ha visto l’apporto di 41 tra i più importanti malariologi, scienziati ed esperti di politica sanitaria al mondo.

Lo specifica abbastanza chiaramente anche Richard Feachem, copresidente della Commissione Lancet e ricercatore presso l’Università della California a San Francisco, secondo il quale, benché lo sradicamento della malaria sia stato sostanzialmente un sogno per decenni, essa può essere comunque eliminata già entro il 2050, sostanzialmente nel giro di una generazione: “Ma per raggiungere questa visione comune, semplicemente non possiamo continuare con un approccio aziendale come al solito. Il mondo è a un punto di svolta e dobbiamo invece metterci alla prova con obiettivi ambiziosi e impegnarci Con azioni audaci per perseguirli”.

Una speranza del genere è supportata soprattutto dagli enormi passi avanti fatti da scienziati e ricercatori proprio per quanto riguarda il contrasto alla malaria.
Inoltre la stessa speranza risiede anche nel fatto che dal 2000 l’incidenza globale della malaria è diminuita del 36% e i tassi di mortalità collegati sono diminuiti del 60%.

Approfondimenti


Ad oggi, più della metà dei paesi può essere considerata “priva di malaria” .

Nonostante questo, dato che ci troviamo comunque di fronte ad una delle principali malattie esistenti, sono ancora 200 i milioni di casi di malaria segnalati ogni anno in tutto il mondo che portano alla morte di circa mezzo milione di individui all’anno.
La maggior parte dei casi viene riscontrata in Africa, Asia e America Latina.
Solo in Africa, cinque paesi rappresentano quasi la metà dei casi totali di malaria.

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo