Malattia della mucca pazza, scienziati credono di aver scoperto causa

Tramite uno studio apparso su PNAS un team di ricercatorichiarisce le cause della malattia della mucca pazza, una patologia bovina di tipo neurodegenerativo apparsa per la prima volta negli anni 80 nel Regno Unito e che si è poi relativamente diffusa negli anni 90.

Si tratta di una malattia che appartiene ad un gruppo di patologie collegate ai cosiddetti prioni, proteine considerabili come “agenti infettivi non convenzionali” di natura proteica (non sono microrganismi né virus). In questo gruppo, per esempio, sono inserite anche la malattia di Creutzfeldt-Jakob, che colpisce l’uomo, e la scrapie, una encefalopatia spongiforme che colpisce di solito capre e pecore.

Per eseguire la ricerca i ricercatori hanno iniettato nei topi una particolare variante di scrapie e con azioni di manipolazione genetica hanno mostrato che i topi mutati sviluppavano la malattia della mucca pazza.
Gli stessi topi geneticamente modificati sono considerati dai ricercatori un ottimo modello per capire cosa accade ai prioni nelle mucche, come spiega Olivier Andreoletti, ricercatore dell’Istituto nazionale francese di ricerca agronomica (INRA).

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook