Mancanza di sonno può influire negativamente sul metabolismo dei grassi secondo studio

Uno nuovo studio rimarca i problemi che può portare la mancanza di sonno o un sonno non regolare.
Lo studio, questa volta ha pubblicato sul Journal of Lipid Research, sottolinea che il metabolismo degli alimenti può essere modificato con solo pochi giorni di privazione.

Ad essere modificate sono soprattutto le modalità di metabolizzazione dei grassi negli alimenti, una cosa che può regolare la sazietà e quindi anche l’assunzione di peso.
Il collegamento tra la mancanza di sonno e il metabolismo non è cosa nuova ed è stata accertata già da diversi studi. Orfeu Buxton, professore all’Università Statale della Pennsylvania e autore senior di questo studio, riferisce nel comunicato stampa che già altri studi hanno mostrato che esistono collegamenti tra rischi più elevati di obesità (e parallelamente di tutte le patologie collegate, compreso il diabete) e la limitazione del sonno a lungo termine.

Tuttavia la maggior parte di questi studi si sono concentrati perlopiù sul metabolismo del glucosio, cosa di per sé che è alla base dello stesso diabete.
Pochi studi o quasi nessuno ha valutato il collegamento del sonno stesso con la digestione dei lipidi.

Lo studio è cominciato quando Kelly Ness era ricercatrice dell’Università di Washington. Le analisi sono state eseguite su 15 uomini in buona salute sui 20 anni che hanno trascorso una settimana a dormire molto a casa. Dopo questa prima fase i partecipanti sono stati costretti a dormire in laboratorio per 10 giorni e per cinque di questi per non più di cinque ore a notte.

Gli stessi ricercatori si sono impegnati non poco per tenerli svegli e per provocare lo stato di sonno irregolare prolungato.
Dopo le notti di restrizione del sonno, i ricercatori offrivano ai partecipanti cene ricche di grassi e gli stessi partecipanti mostravano un gradimento superiore verso questi pasti rispetto a quando avevano mangiato lo stesso pasto da riposati.

Analizzando poi i campioni di sangue la ricercatrice scopriva che la stessa restrizione del sonno influenzava la risposta lipidica.
In sostanza il corpo si trovava più in difficoltà a metabolizzare i grassi che con più facilità si accumulavano e predisponevano le persone ad ingrassare.

Si è trattato di uno studio di per sé imperfetto e comunque limitato anche in termini di varietà dei partecipanti ma suggerisce comunque l’importanza del sonno per il metabolismo umano.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook