Mangiare quando si è stressati fa ingrassare di più secondo studio

Non è una leggenda metropolitana in quanto ora l’idea è supportata anche da uno studio apparso su Cell Metabolism: mangiare quando si è stressati porta ad un maggior aumento di peso rispetto a quando la mente è libera da pensieri negativi o quantomeno rispetto a quando non ci si trova in stati di ansia o preoccupazione.
Il nuovo studio, condotto sui topi, certifica che lo stress attiva un meccanismo nel cervello che spinge gli animali a continuare a mangiare.

Per verificare la cosa, gli scienziati hanno messo sotto stress i topi allontanandoli dagli altri topi e sostituendo il loro giaciglio con un sottile strato di acqua. Dopo questa prima fase ricercatori hanno somministrato a parte dei topi alimenti ricchi di grassi, ad altri cibi sani.
Nel giro di due settimane i ricercatori si accorgevano che i topi stressati che mangiavano il cibo ipercalorico mostravano un guadagno maggiore di peso rispetto ai topi che mangiavano cibo sano. Mostravano un maggior guadagno di peso anche rispetto ai topi non stressati che mangiavano lo stesso cibo ipercalorico. Il fattore chiave dell’aumento maggiore di peso era dunque collegato allo stress.

Studiando il cervello dei roditori, i ricercatori hanno compreso che la responsabilità era di una speciale molecola, denominata neuropeptide Y (NPY) e prodotta sia dall’amigdala che dall’ipotalamo, già nota perché invoglia all’assunzione di cibo.
Hanno dunque eseguito lo stesso esperimento disattivando il processo che produce questa molecola nei topi ed hanno scoperto che i topi stressati e non stressati con la stessa dieta ipercalorica guadagnavano questa volta lo stesso peso.

I risultati suggeriscono che il neuropeptide Y è il responsabile dell’aumento di peso maggiore quando si mangia in stato di stress.
I ricercatori credono che la situazione negli esseri umani sia molto probabilmente la stessa dal momento che topi e umani utilizzano stesso sistema basato sulla molecola NPY per regolare il processo della fame.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook