Mappato a livello tridimensionale importante adenovirus che provoca diarrea in neonati

Rappresentazione tridimensionale dell'adenovirus HAdV-F41 (credito: Karim Rafie, Università di Umeå)

Un team di ricercatori è riuscito a creare, per la prima volta, una mappa tridimensionale a livello atomico relativa all’aspetto di un importante virus che provoca la diarrea. Questo virus, l’adenovirus umano della specie F41 (HAdV-F41), provoca questa malattia in almeno 50.000 bambini ogni anno insieme all’altra specie, la F40.

Si tratta di risultati che “forniscono una maggiore comprensione di come il virus attraversa lo stomaco e il sistema intestinale”, spiega Lars-Anders Carlson, uno dei ricercatori dell’Università di Umeå che ha partecipato allo studio e al progetto di mappatura. Lo stesso ricercatore spera che questi risultati possano essere d’aiuto per la realizzazione di un nuovo vaccino che possa essere somministrato in forma commestibile e non tramite le classiche siringhe, qualcosa che potrebbe avvantaggiare in particolare i paesi meno sviluppati.

Gli adenovirus enterici rappresentano una delle cause più importanti che scatenano la diarrea nei neonati e risultano un problema grave soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Gli adenovirus enterici sono una variante meno conosciuta degli adenovirus che di solito sono respiratori, ossia sono causa di malattie al tratto respiratorio.
Gli adenovirus enterici, infatti, agiscono nel tratto intestinale e sono attrezzati per resistere all’ambiente acido dello stomaco che non riesce a scomporli.

I ricercatori hanno mappato questo importante virus che provoca la diarrea tramite un avanzato microscopio crioelettronico. Hanno raccolto delle immagini molto nitide e dettagliate a livello microscopico e poi le hanno messe insieme, come una sorta di puzzle tridimensionale.
Questo lavoro potrebbe essere d’aiuto proprio per comprendere le modalità che questo importante virus usa per resistere agli acidi nello stomaco e per infettare l’intestino provocando, tra i sintomi più gravi, la diarrea.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook