Materiali lanciati in orbita con frusta lunga chilometri, ecco nuovo brevetto Amazon

Un interessante e particolare brevetto registrato da Amazon Nel 2017 è stato preso di mira da varie testate sul Web. Si tratta di un sistema di lancio nello spazio costituito da una sorta di frusta lunga chilometri guidata da vari droni.

Ideato dall’inventore Louis LeRoi LeGrand III, questo sistema permetterebbe di lanciare piccoli carichi nell’orbita terrestre bassa senza utilizzare razzi e simili ma semplicemente un’imbarcazione al largo sulla quale verrebbe impiantata la base della stessa frusta.
Lungo tutta la lunghezza della frusta ci sarebbero dei droni, ad esempio quadricotteri, programmati per muoversi in formazione onde allungare e tendere la frusta stessa fino a più di 500 miglia fino al lancio finale che permetterebbe al piccolo carico di raggiungere anche velocità supersoniche.

Un sistema del genere resolverebbe gli enormi costi relativo al lancio dei razzi stessi che, per trasportare il carico utile, devono trasportare naturalmente anche loro stessi e ciò aumenta il consumo di carburante e le difficoltà intrinseche del lancio stesso.

Proprio per questo in passato si è fatto riferimento al cosiddetto “ascensore spaziale”, qualcosa che ha uno scopo simile, cioè quello di portare piccoli carichi o anche persone nell’orbita terrestre bassa, senza far ricorso ai lanci tradizionali.

In questo caso, però, si tratterebbe di qualcosa di ancora più strano è forse fantascientifico.
La stessa Amazon premette che brevetti come questi richiedono innanzitutto anni anche solo per essere accettati e molto spesso non riflettono le tabelle di marcia relative alla produzione dell’azienda.

Si tratta, sostanzialmente, solo di registrazioni di idee, a volte lungimiranti, anche troppo, che esplorano tutte le possibilità di una nuova tecnologia onde far sì che l’azienda stessa possa rimanere proprietaria del concept qualora la stessa tecnologia si tramutasse davvero in qualcosa di concreto, anche in un lontano futuro.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook