Meglio non esagerare con l’acido linoleico durante gravidanza

Secondo un nuovo studio apparso su The Journal of Physiology esagerare nell’alimentazione con i grassi omega 6, in particolare con l’acido linoleico, potrebbe essere dannoso durante la gravidanza.
In particolare portare avanti una dieta che vede un quantitativo di tre volte superiore alla dose giornaliera raccomandata di acido linoleico potrebbe essere particolarmente pericoloso.

L’acido linoleico, presenti in alimenti quali patatine ed olio vegetale, portare diversi cambiamenti nella funzione del fegato, come gli stessi ricercatori hanno visto eseguendo esperimenti su topi femmina gravidi.
I ricercatori hanno nutrito diversi ratti nel corso di 10 settimane con una dieta con un alto livello di acido linoleico.

Hanno poi fatto accopiare questi ratti e hanno studiato i topi femmina gravidi. Questi ultimi mostravano un fegato alterato, in particolare per quanto riguarda le concentrazioni di proteine ​​infiammatorie. Queste ultime andavano a causare la contrazione dell’utero nel corso della gravidanza e la diminuzione dei livelli di un particolare ormone che regola la crescita e lo sviluppo del feto.

Cambiamenti del genere, secondo i ricercatori, possono portare a varie complicanze durante la gravidanza, tra cui uno sviluppo scarso del bambino.
Secondo Deanne Skelly, una delle autrici della ricerca, “È importante che le donne in gravidanza considerino la loro dieta e la nostra ricerca è un altro esempio che potenzialmente consumando troppo di un certo tipo di nutrienti può avere un impatto negativo sul bambino in crescita”.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook