Melatonina peggiora asma notturno? L’ipotesi nel nuovo studio

Credito: Kateryna Kon, Shutterstock, ID: 1206255541

Chi soffre di asma può sperimentare il cosiddetto “asma notturno”, sostanzialmente i sintomi dell’asma sperimentati durante il sonno. Secondo quanto riferisce un comunicato dell’Università di Tohoku, il 50% dei decessi causati dall’asma accade di notte ma i meccanismi che collegano queste morti all’asma notturno non sono ancora del tutto chiari.
Un nuovo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Tohoku suggerisce che la melatonina, un ormone del sonno, può peggiorare i sintomi dell’asma.[1]

Secondo i ricercatori, la melatonina, che può essere prescritta per chi soffre di insonnia, può favorire una condizione di broncocostrizione indebolendo gli effetti rilassanti dei farmaci broncodilatatori. Questi ultimi possono essere usati dai pazienti asmatici che soffrono di broncocostrizione, una condizione in cui i muscoli del bronco tendono a contrarsi. Il farmaco, sostanzialmente, allarga i bronchi.
L’effetto di indebolimento del broncodilatatore da parte della melatonina avviene tramite il recettore MT2 della stessa melatonina.[1]

I ricercatori hanno osservato che l’attivazione del recettore MT2 della melatonina potenziava notevolmente la broncocostrizione. La stessa melatonina, inoltre, attenuava gli effetti rilassanti dei farmaci broncodilatatori. “Sebbene la concentrazione sierica di melatonina non abbia indotto in modo significativo la costrizione delle vie aeree, dosi maggiori di melatonina, che è clinicamente utilizzata per trattare l’insonnia, il jet lag o il cancro, hanno peggiorato i sintomi dell’asma e compromesso l’effetto terapeutico dei broncodilatatori”, spiega Kentaro Mizuta, uno degli autori principali dello studio pubblicato sull’American Journal of Physiology Lung Cellular and Molecular Physiology.[1]

Note e approfondimenti

  1. Research News – Melatonin Exacerbates Asthma Discovers Research Group | Tohoku University Global Site
  2. Melatonin MT2 receptor is expressed and potentiates contraction in human airway smooth muscle | American Journal of Physiology-Lung Cellular and Molecular Physiology (DOI: 10.1152/ajplung.00273.2021)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo