Meno sale nella dieta utile anche per microbioma intestinale

Abstract grafico dello studio (credito: DOI: 10.1161/HYPERTENSIONAHA.120.14800 )

Ridurre i livelli di assunzione di sale tramite la dieta è utile non solo per la pressione sanguigna ma anche per il mantenimento di un microbioma intestinale sano ciò vale soprattutto per le donne con ipertensione non trattata. È il risultato conseguito da un nuovo studio apparso sulla rivista Hypertension.

I ricercatori hanno analizzato il sangue di 145 persone con un’età compresa tra i 30 e i 75 anni con ipertensione non trattata scoprendo che abbassando per solo sei settimane il livello di assunzione giornaliera di sodio intorno a 2300 mg, si poteva ottenere, in particolare per le donne, ad un aumento della quantità di acidi grassi a catena corta (SCFA), un indicatore conosciuto per un microbioma sano.
Inoltre si otteneva una riduzione della pressione del sangue e vasi sanguigni più flessibili.

Secondo quanto riferisce Haidong Zhu, uno genetista molecolare del Georgia Prevention Institute dell’Università di Agusta, autore corrispondente dello studio, si tratta di una vera e propria connessione che prova che esiste un’influenza da parte del microbioma intestinale anche per quanto riguarda la regolazione della pressione del sangue.
“Il sodio è un fattore in entrambi i sessi ma osservato nella relazione con il microbioma intestinale sembra maggiore nelle femmine”, spiega Zhu. “Dobbiamo studiarlo di più per vedere se questo è vero e perché è vero se vale.”

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook