Metà degli americani sarà obesa entro 2030 secondo studio

Più o meno metà della popolazione adulta statunitense sarà obesa entro il 2030 secondo un nuovo, preoccupante studio condotto da ricercatori della Harvard T.H. Chan School of Public Health.
Lo studio prevede inoltre che un quarto della popolazione adulta sarà affetta da obesità grave, sempre entro il 2030, e che in 29 stati sarà più della metà della popolazione ad essere obesa.

Sono dati allarmanti che comunque non dovrebbero sorprendere dato che già ad oggi il 40% degli adulti americani può essere classificato come obeso e che il 18% di essi è classificabile tra gli obesi gravi.
Il nuovo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, preoccupa soprattutto per quanto riguarda gli effetti che un trend del genere potrà avere sull’economia per i suoi costi sociali, come spiega Steven Gortmaker, professore di sociologia della salute del suddetto istituto e autore senior dello studio: “L’obesità, e in particolare l’obesità grave, sono associate ad un aumento dei tassi di malattie croniche e spese mediche e hanno conseguenze negative sull’aspettativa di vita”.

Lo studio si è basato sull’analisi dei dati di oltre 6,2 milioni di adulti americani, dati inclusi in un’indagine condotta tra il 1993 e il 2016. I soggetti presi in considerazione venivano da ricercatori considerati obesi quando l’indice di massa corporea (BMI) era di 30 o superiore e obesi gravi quando questo indice era di 35 o superiore.
Dato l’alto numero di partecipanti all’indagine, partecipanti provenienti da varie regioni degli Stati Uniti, i ricercatori hanno potuto eseguire vari tipi di analisi anche per stati, livello di reddito e per sottopopolazioni.

Il trend che hanno individuato mostrava che entro il 2030 saranno diversi gli Stati che avranno una prevalenza di persone obese vicina al 60% mentre pochi stati si avvicineranno al 40%.
Le categorie più soggette ad obesità grave saranno quella delle donne, quella degli adulti neri non ispanici e quella dei soggetti con un reddito annuo inferiore ai 50.000 dollari. Quest’ultimo dato, in particolare, preoccupa i ricercatori in quanto l’alta prevalenza di obesità grave in persone a basso reddito comporta implicazioni sostanziali per i costi dell’assistenza sociale.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo