Metformina assunta durante gravidanza potrebbe aumentare rischio di obesità nei nascituri secondo studio

La metformina utilizzata nel corso della gravidanza potrebbe portare, come effetto collaterale subito dal nascituro, un maggior rischio di obesità di quest’ultimo secondo uno studio condotto dall’Università Norvegese della Scienza e della Tecnologia (NTNU).
La metformina è farmaco che di solito viene utilizzato per trattare il diabete di tipo 2 sulle donne gravidanza, in particolare quando queste ultime soffrono di sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).

È una possibilità da non escludere secondo Liv Guro Engen Hanem, ricercatrice del Dipartimento di medicina clinica e molecolare della suddetta università.
L’articolo, pubblicato su The Lancet Child and Adolescent Health, parla di come questo farmaco, utilizzato spesso per trattare il diabete gestazionale, abbia in effetti dimostrato di avere pochi effetti collaterali e di essere molto efficiente in precedenti studi ma anche che la conoscenza riguardo a effetti a lungo termine è ancora poca.

Lo studio si è avvalso delle analisi di 257 donne incinte con PCOS, i cui dati risalivano al periodo 2005-2009.
Secondo le analisi dello studio, i bambini di otto anni esposti alla metformina nell’utero avevano, in media, un indice di massa corporea più alto ed una circonferenza della vita più larga rispetto ai bambini del gruppo di controllo le cui madri avevano invece assunto un placebo inattivo.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook