Migliaia di piccoli “terremoti” avvengono sotto il ghiaccio antartico ogni notte: è lo scioglimento dei ghiacci

Un ricercatore dell'Università di Chicago che monta un sismometro per registrare le micro scosse sotto il ghiaccio (credito: Alison Banwell)

Non sono solo il freddo e le condizioni estreme rappresentare un pericolo per tutti quei ricercatori che lavorano sul ghiaccio antartico. Vivere, anche per brevi periodi, in un ambiente del genere porta ad esperienze spiacevoli molto simili a quelle che si possono avere con continue scosse di terremoto. Durante la notte è possibile infatti registrare migliaia di piccole scosse dovute al continuo rimescolamento e riformulazione strutturale degli strati di ghiaccio dopo che si sciolgono durante il giorno.

Un nuovo studio, condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Chicago, approfondisce proprio questo fenomeno. I ricercatori hanno posizionato vari sismometri sulla piattaforma di ghiaccio di McMurdo e hanno confermato la registrazione di centinaia di migliaia di piccoli “tremiti di ghiaccio”.

A spiegare più in dettaglio il fenomeno è Douglas MacAyeal, professore di scienze geofisiche e rinomato glaciologo: “In queste pozze c’è spesso uno strato di ghiaccio sopra l’acqua sciolta sotto, come si vede con un lago che è solo congelato sulla parte superiore. Quando la temperatura si raffredda durante la notte, il ghiaccio si contrae in alto e l’acqua sottostante si espande quando subisce il congelamento, che deforma il coperchio superiore, fino a quando non si spezza con uno scatto”.

Non si tratta di una ricerca fine a se stessa: potrà infatti servire a capire le modalità con le quali si sciolgono i ghiacci dell’antartico e, forse, a prevenire con maggiore precisione la rottura dei grandi banchi o delle grandi piattaforme ghiacciate dovute ai cambiamenti climatici che stanno causando la fusione dei ghiacci.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo