Milioni di mosche invadono villaggio russo

Qualcuno parla già di “apocalisse” in relazione a quello che è successo il 13 giugno nel villaggio russo di Lazorevy, i cui abitanti sono stati letteralmente assaliti da milioni di mosche. In alcuni raccapriccianti video che hanno cominciato a girare si possono vedere gli enormi assembramenti di questi insetti volanti intorno a case, giardini, automobili e persone in questa zona degli Urali.

Tuttavia non si tratta di un flagello scatenato dall’onnipotente ma, secondo i primi rapporti locali, da un agricoltore del luogo che aveva avventatamente scaricato tonnellate di escrementi di pollo, prelevati da un vicino allevamento, su un campo per utilizzarlo come fertilizzante.
Questa enorme coltre di escrementi si è dunque rivelata la fattoria perfetta per le larve delle mosche che si sono moltiplicate in poche settimane a dismisura.

Le densissime nuvole di mosche sono apparse a Lazorevy per la prima volta qualche settimana fa e da allora gli insetti si sono riprodotti sempre più rapidamente fino a quando gli abitanti locali hanno cominciato ad usare in massa spray tossici.

Ora il campo dell’agricoltore è stato disinfestato ma ci vorranno giorni prima che i livelli nel numero delle mosche locali tornino alla normalità.
Il contadino, che ora dovrà affrontare un processo, si è giustificato sostenendo che le mosche esistono da milioni di anni e sono praticamente ovunque.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook