Militari USA sviluppano arma al plasma non letale che può bruciare anche vestiti

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sta portando avanti un particolare programma, definito Programma congiunto per lo sviluppo di armi non letali (Joint Non-Lethal Weapons Development Program, JNLWD) per sviluppare armi che non uccidano il nemico ma lo neutralizzino.
Neutralizzare il nemico anziché ucciderlo è, paradossalmente, una delle cose più difficili in campo militare. Dai taser ai proiettili di gomma per finire con i lacrimogeni, questo particolare comparto dell’industria degli armamenti ha da sempre sviluppato idee di ogni genere e ha mosso le attenzioni dei capi militari in relazione alla ricerca di metodi sempre più efficaci e a volte anche curiosi.

Come fa notare il sito Futurism una delle ultime novità al tal riguardo è un sistema di armi al plasma non letali. Grazie a quest’arma, l’operatore può sparare una vera e propria raffica di luce sul nemico grazie ad un laser a femtosecondi.
Strappando elettroni dalle molecole dell’aria, l’arma crea una palla di plasma proprio nel punto dove si trova il nemico. Grazie ad un sistema di manipolazione, l’operatore poi è in grado di muovere questa palla di plasma a distanza grazie ad un secondo nano laser.

Una volta che l’operatore ha l’abilità di muovere la palla al plasma, può permettersi di farle emettere luci potentissime, rumori o finanche di bruciare i vestiti del nemico.
Qualcosa che si è visto solo in qualche film di fantascienza ambientato nel futuro.

Si tratta di una tecnologia ancora in fase di sviluppo ma gli stessi creatori pensano che possa essere utilizzata anche a decine di km di distanza, una caratteristica che la renderebbe un’arma non solo letale ma una di quelle con il raggio più lungo tra quelle sviluppate fino ad ora.
Inoltre, cosa ancora più curiosa, potrebbero essere capaci di far “parlare” il raggio a distanza (anche se non si comprende se questa cosa possa essere efficace per motivi di pura comunicazione o solo per “spaventare” il nemico)

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi