MIT crea sistema di tracciamento di oggetti in movimento con “precisione senza precedenti” grazie ai tag RFID

Tag RFID utilizzati da bracci robotici per individuare e afferrare oggetti (credito: MIT Media Lab)

Tramite uno documento presentato al simposio USENIX, un gruppo di ricercatori ha sviluppato un particolare sistema, denominato TurboTrack, che sfrutta i tag RFID e che è stato già descritto come un sistema di tracciamento degli oggetti movimento che può vantare una precisione “senza precedenti”.

Il sistema, sviluppato da un gruppo di ricercatori del MIT Media Lab, può essere applicato a qualsiasi oggetto dato che utilizza i comuni tag RFID: il lettore invia un segnale wireless che riflette il tag RFID e altri oggetti vicini e rimbalza al lettore stesso. In una seconda fase un algoritmo poi processa i segnali riflessi per trovare la risposta del tag RFID. I calcoli, dunque, sfruttano il movimento, una cosa che di solito diminuisce la precisione di localizzazione.

Il sistema è così preciso che secondo i ricercatori potrebbe andare a sostituire anche la visione artificiale per alcune tipologie di robot. Il sistema, diversamente da altri tipi di visioni artificiali e anche dalla visione umana, permette di poter individuare oggetti anche dietro ostacoli o in un completo disordine dato che si basa su un sistema di radiofrequenza.

In particolare potrà servire per i robot che lavorano all’imballaggio, all’assemblaggio e a tutti quei compiti nei magazzini superaffollati, pieni di oggetti o prodotti molto difficili da individuare dagli esseri umani anche con i sistemi più classici di codici a barre.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo