Modulo lunare sviluppato da start-up sarà testato in Groenlandia e al Polo Nord

Si chiama Lunark ed è il prototipo di un habitat lunare progettato grazie ad una collaborazione tra scienziati ed ingegneri e membri di una start-up, SAGA Space Architects, che tra l’altro sta cercando anche fondi su Kickstarter. Questo modulo abitativo potrebbe essere utilizzato in futuro sia per ambienti quali la calotta glaciale della Groenlandia, sia per missioni sulla Luna.
Gli ingegneri si sono rifatti, per costruire il modulo, all’antica arte giapponese dell’origami, un’arte in cui si piega la carta in modi sempre più complessi fino a formare una struttura leggera ma anche resistente.

Il modulo potrebbe essere presto testato proprio con una missione nella calotta glaciale della Groenlandia settentrionale e questa potrebbe essere solo la prima fase di una missione lunare simulata al Polo Nord, tra temperature e vivibilità estrema, proprio quello che ci si aspetta sulla superficie lunare.
Il modulo è progettato per essere un ecosistema a zero rifiuti che fornirà ai suoi abitanti l’energia necessaria tramite pannelli solari mentre l’interno del modulo si avvarrà di un sistema di luce dinamico “circadiano” simile a quello che c’è sulla superficie della Luna.

L’intero esterno del modulo sarà coperto da celle solari e in questo modo si massimizzerà la stessa generazione di energia. Gli stessi pannelli, infatti, massimizzeranno la raccolta della luce del Sole sfruttando anche la riflettività della neve, durante la missione in Groenlandia e al Polo Nord, e della superficie lunare, altrettanto riflettiva.

Si tratta di un’architettura che potrà essere espansa. Tutti i pezzi saranno trasportati tramite un aereo Hercules per le missioni in Groenlandia e al Polo e naturalmente tramite un razzo per la missione sulla Luna. Alcuni degli interni saranno stampati in 3D. Il modulo si avvarrà anche di batterie, particolari serbatoi dell’acqua e di un sistema di supporto vitale basato sulle alghe: tramite un reattore inserito nel cuore dell’habitat gli abitanti potranno servirsi di cibo altamente nutriente sempre disponibile.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook