Molecola di tre atomi raffreddata allo zero assoluto per la prima volta

Una molecola composta da tre atomi è stata raffreddata tramite procedimento laser fino a raggiungere la temperatura dello zero assoluto per la prima volta. L’esperimento è stato realizzato da Ivan Kozyryev insieme alla sua squadra dell’MIT-Harvard Center for Ultracold Atoms. Si tratta di un passo abbastanza importante per quanto riguarda il raffreddamento delle molecole in quanto è da diversi decenni che si cerca di raffreddare le molecole, così come si fa per i singoli atomi, con tecniche varie senza raggiungere risultati degni di nota.

I procedimenti adottati fino ad oggi, infatti, hanno sempre reso difficile trovare una corrispondenza tra le vibrazioni e le rotazioni degli atomi all’interno della molecola e naturalmente più atomi la molecola conteneva, più il procedimento si rivelava difficile.
Kozyryev e la sua squadra hanno utilizzato un nuovo procedimento: tramite un laser hanno provato a raffreddare molecole di monossido di stronzio, una molecola composta da tre atomi.
Gli scienziati sono riusciti a portare la molecola praticamente allo zero assoluto (Ci manca qualche millesimo di grado) e sono fiduciosi nel fatto che lo stesso procedimento possa essere applicato anche a molecole con più atomi, almeno fino a 15.

Ma a cosa può essere utile raffreddare molecole per portarle allo zero assoluto? Il campo primario di applicazione potrebbe essere quello relativo ai computer quantistici dato che si può utilizzare la luce laser non solo per raffreddare le molecole atomiche ma anche per memorizzare le informazioni agendo sulle modalità con le quali le molecole vibrano.
Inoltre la stessa tecnica potrebbe risultare utile per i chimici in quanto le molecole in uno stato così freddo reagiscono più lentamente e dunque la loro osservazione risulterà più facilitata.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo