Moscerino africano essicca il corpo per sopravvivere a siccità

Polypedilum vanderplanki (credito immagine: Entomart)

Esiste un insetto africano in grado di prosciugare quasi del tutto le parti liquide all’interno del proprio corpo fino a cessare i processi fisiologici biochimici per resistere alla siccità e all’aridità nell’ambiente in cui vive. Il Polypedilum vanderplanki è un genere di moscerino che vive in particolare nelle regioni aride dell’Africa, ancora più in particolare nella Nigeria settentrionale e nell’Uganda.
Questo insetto produce larve all’interno di piccoli nidi tubolari nel fango sul fondo delle pozze fangose che si formano temporaneamente sul suolo delle foreste.

È proprio in questa fase che il corpo della larva attiva un processo di essiccatura del proprio corpo fino a ridurre la quantità di acqua ad un livello del 3%. In questo stato disidratato, le larve diventano pressoché impermeabili alle condizioni esterne e possono, tra l’altro, sopravvivere a temperature molto alte nonché ad un’esposizione di radiazioni altissima.
In sostanza, questi setti entrano in uno stato di anidrobiosi, una condizione in cui il corpo si disidrata fino quasi a fare scomparire l’acqua e i liquidi. L’acqua stessa viene sostituita da trealosio disaccaride e questa condizione può durare anche per anni.

Un nuovo studio, portato avanti da un team russo-giapponese e apparso su Proceedings of the National Academy of Sciences, ha inteso comprendere meglio le modalità attuate dalle larve di questo strano moscerino. Gli scienziati hanno quindi scoperto che è una particolare proteina la responsabile di questo processo per la sopravvivenza. Tra l’altro questa proteina è presente anche nell’uomo in cui è solita innescare una risposta protettiva allo stress. Nel Polypedilum vanderplanki, tuttavia, questa proteina attiva i geni che fanno sì che le larve entrino nello stato di anidrobiosi. La stessa proteina attiva poi il processo inverso per uscire da questo stato.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo