Musk: la popolazione umana sta collassando

Elon Musk è solito fare dichiarazioni in merito al futuro dell’umanità e di tanto in tanto le sue “bombe” fanno mezzo giro del mondo a seguito di qualche intervista o di qualche suo post sui social.

È il caso anche di un suo recente post su Twitter che ha visto il noto imprenditore sudafricano fare brevi dichiarazioni in merito al destino dell’umanità nei prossimi decenni.

Secondo il CEO di Tesla e SpaceX, che ha risposto ad un post di New Scientist secondo cui la popolazione umana potrebbe essere diretta verso “l’implosione”, la popolazione del mondo “sta accelerando verso il collasso ma pochi sembrano notare la cosa o preoccuparsene”.

In risposta ad un altro tweet secondo cui la popolazione mondiale potrebbe crescere di altri 1,6 miliardi entro il 2050, Musk ha fatto un breve intervento ricordando che il vero problema è l’invecchiamento e il declino della popolazione mondiale.
A tal proposito ha anche linkato la pagina Projections of population growth su Wikipedia in inglese citando lo scienziato norvegese Jørgen Randers.

Musk ha evidentemente letto il libro di quest’ultimo, 2052: A Global Forecast for the Next Forty Years, in cui il ricercatore trattava vari argomenti, tra cui quello relativo all’aumento della popolazione umana, in relazione prossimi quarant’anni dell’umanità.
Secondo Randers, infatti, la popolazione umana potrebbe cominciare a diminuire già intorno al 2040.

Dichiarazione a cui si affianca anche uno studio da poco prodotto e che abbiamo trattato la settimana scorsa, secondo il quale nel 2100 l’aumento della popolazione dovrebbe sostanzialmente arrestarsi.

Musk riporta dunque in auge la questione, sempre più dibattuta, riguardo alle previsioni sulla popolazione mondiale: sempre più studi, che riprendono i trend attuali e li proiettano nel futuro, rimarcano il fatto che l’aumento, nonostante possa apparire massiccio oggi, dovrebbe rallentare moltissimo nei prossimi decenni, fin quasi a fermarsi se non a diminuire.

La popolazione mondiale, dunque, non sta esplodendo ma “implodendo”. L’età media avanza sempre di più e gli anziani rappresentano una fetta di popolazione sempre più ampia, con un livello medio di invecchiamento senza precedenti.
In un altro Twitter Musk ha ripreso ancora l’idea dichiarando che “i dati demografici, stratificati per età, sembreranno una piramide rovesciata con molti vecchi e meno giovani”.

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo