Nanofili molecolari di DNA 100 volte più sensibili di altri biosensori

Nanofili di DNA (credito immagine: Wouter Metsola Van Der Wijngaart)

Un biosensore tridimensionale, fatto con fili conduttori di DNA potenziati con oro, migliori rispetto ai più classici sensori bidimensionali piatti, sono stati sviluppati da un gruppo di ricerca del KTH Royal Institute of Technology e e dell’Università di Stoccolma.
Wouter van der Wijngaart, uno degli scienziati impegnati nella ricerca, afferma che ci si trova di fronte alla prima formazione di nanofili metallici ottenuta tramite lo stiramento del DNA con una membrana porosa.

Con questo biosensori è possibile misurare più facilmente più biomolecole simultaneamente e risulta anche 100 volte più sensibile secondo lo scienziato.
I nanofili di DNA, Conduttive proprio per la presenza dell’oro, vengono creati quando entrano a contatto con specifiche molecole e quindi trasmettono l’informazione relativa all’esistenza di queste ultime anche quando esistono in bassa concentrazione.
La ricerca è stata pubblicata su Microsystems and Nanoengineering.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi