Nanotecnologia utilizzabile anche per chirurgia dentale e per riallineamento dei denti

Credito immagine: American Chemical Society

La nanotecnologia sta divenendo sempre più utile in vari comparti delle applicazioni mediche e ora un nuovo studio, pubblicato su ACS Nano, mostra che nanoparticelle con enzimi possono essere utilizzate anche per piccoli interventi di chirurgia dentale o per riorientare denti gravemente disallineati riportandoli ad una posizione corretta.
“Stiamo cercando di cambiare un dogma di 5000 anni sul modo con il quale vengono eseguiti gli interventi chirurgici”, dichiara Avi Schroeder del Technion in un articolo apparso su Phys.org

Attualmente, come per gran parte degli interventi chirurgici, i bisturi non sono in grado di riconoscere i tessuti malati da quelli sani e proprio per questo possono entrare in gioco enzimi modificati che vadano a degradare specificatamente i tessuti non sani.
Un ulteriore procedura, poi, è relatiiva all’allineamento dei denti non allineati in maniera corretta, una patologia definita come malocclusione dentale che viene solitamente trattata con un intervento chirurgico doloroso.

Anche in questo caso potrebbero entrare in gioco gli enzimi modificati che andrebbero a rimuovere le fibre di collagene che vanno a collegare i denti all’osso. In una seconda fase, ulteriori biomolecole verrebbero utilizzate per ricostruire le fibre a seguito dell’allineamento.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi