NASA annuncia terza missione del progetto FOXSI per osservare nanobrillamenti solari

Osservazioni eseguite dal razzo FOXSI dei nanobrillamenti solari con le zone blu che delineano le regioni più calde dell'atmosfera solare (credito: JAXA/NASA/Hinode/FOXSI)

In un articolo sul sito ufficiale la NASA presenta la terza missione del progetto FOXSI (Focusing Optics X-ray Solar Imager) che prevede la partenza dalla Terra dei cosiddetti “razzi sonori”.
Questi ultimi effettuano brevi viaggi di circa 15 minuti sopra l’atmosfera terrestre andando a “sbirciare” lo spazio per poi ricadere a terra. Si tratta di piccoli missili, leggeri, veloci e soprattutto poco costosi che servono sostanzialmente, in questo caso, per osservare il Sole.

Due razzi sono già partiti nello 2002 e nel 2014 ed una prossima partenza è stata programmata non prima del 7 settembre. Il terzo volo avverrà con partenza dalla White Sands Missile Range a White Sands, New Mexico. Il razzo arriverà a circa 300 km di altezza, al di sopra dello schermo dell’atmosfera terrestre, per fissare il sole e per osservare ai raggi X i “nanoflare”, piccole ma intense eruzioni solari che vengono originate quando le linee del campo magnetico dell’atmosfera del sole si aggrovigliano e si estendono fino a quando non si rompono come un elastico.

Questa terza missione, rispetto alle prime due, potrà contare, oltre a varie migliorie tecniche, su un telescopio a raggi X “morbido”, capace di rilevare temperature in maniera più precisa.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi