NASA permetterà analisi di nuovi campioni lunari rimasti sigillati per cinquant’anni

Campioni di roccia lunare messi sottochiave dalla NASA per quasi cinquant’anni al Johnson Space Center saranno a riportati alla luce.
Si tratta di un annuncio da parte della stessa agenzia americana che mostra che la pur limitata fornitura di campioni provenienti dal nostro satellite naturale non si è ancora esaurita.

Durante le missioni Apollo, gli astronauti americani riportarono infatti diversi campioni i quali furono poi sigillati in attesa di analisi, una collezione discreta considerando che parliamo di oltre 800 kg di materiale riportati sul nostro pianeta nel corso di pochi anni.
I campioni si trovano confezionati sottovuoto in un vero e proprio caveau all’interno del Johnson Space Center, una sorta di tesoro che in pochi hanno visto dal vivo e ancora più pochi hanno toccato con mano.

Ora alcuni di questi campioni incontaminati, sostanzialmente mai stati in contatto con l’aria terrestre, potranno vedere la luce artificiale di qualche laboratorio affinché geologi e scienziati possano analizzarli con le tecniche odierne, nettamente migliorate rispetto a qualche anno fa.
Oggi possiamo infatti disporre di strumenti scientifici molto più precisi e sensibili rispetto anche a solo pochissimi anni fa.

Quello che si poteva fare con un grammo di materiale qualche anno fa, oggi è possibile farlo con un solo milligrammo ed è possibile ottenere molte più informazioni, non solo riguardanti la Luna ma anche altri pianeti corpi del sistema solare.
Ad esempio analizzando le rocce lunari gli scienziati hanno determinato l’età delle superfici di Mercurio e di Marte.

Altri campioni, circa 15% del totale, si trovano in un altro caveau a White Sands, nel Nuovo Messico.
Qualcuno ha pensato che queste nuove analisi di rocce incontaminate fossero da ricondurre al 50º anniversario della data che ha visto il primo uomo mettere piede sulla Luna ma si tratta solo di una coincidenza, come specifica Ryan Zeigler, uno dei responsabili della NASA per questi campioni.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook