Neandertal del Mediterraneo occidentale non si estinsero a causa del clima

I ricercatori hanno analizzato le stalagmiti in un gruppo di grotte della Puglia (credito: O. Lacarbonara)

L’uomo di Neanderthal stanziatosi nel Mediterraneo probabilmente non si è estinto a causa dei cambiamenti climatici secondo un nuovo studio condotto dall’Università di Bologna.
I ricercatori hanno posto la propria attenzione sui gruppi di Neanderthal che si erano stanziati nelle aree del Mediterraneo occidentale intorno a 42.000 anni fa . Hanno ricostruito il paleoclima dell’ultima era glaciale analizzando le stalagmiti presenti in alcune grotte in Puglia.

Le stalagmiti , che si formano tramite il gocciolamento dell’acqua piovana, possono essere infatti considerate come degli “eccellenti archivi paleoclimatici e paleoambientali”, come spiega Jo De Waele, professore della suddetta università e coordinatore dello studio.
Proprio in questa zona, l’altopiano delle Murge , tra 45.000 e 42.000 anni fa alcuni gruppi di Neanderthal e di Homo sapiens erano convissuti , un periodo relativamente lungo di circa 3000 anni.

Nello studio, pubblicato su Nature Ecology & Evolution, viene descritto come le analisi delle stalagmiti mostrano che il cambiamento climatico avvenuto in questo periodo non fu poi così significativo .
I ricercatori hanno notato solo delle piccole variazioni nelle precipitazioni in un periodo relativamente lungo, tra 50.000 e 27.000 anni fa, variazioni che comunque non furono così forti da alterare la flora e in generale l’ambiente dell’area.

Secondo quanto spiega Andrea Columbu, primo autore dello studio, quest’area della Puglia può essere considerata come una “nicchia climatica“, una cosa che mostra che non furono i cambiamenti climatici ad influenzare l’estinzione di Neanderthal in quest’area e probabilmente nelle aree più vicine.
Si tratta di una zona importante in quanto è tra le poche che hanno visto coesistere entrambe le specie in una regione relativamente piccola, come spiega lo stesso Columbue, per un numero di anni consistente.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook