Nove insetti su dieci negli ospedali inglesi trasportano batteri pericolosi

Nove insetti su 10 presenti negli ospedali inglesi trasportano batteri pericolosi: è questa la conclusione a cui è arrivato uno studio della Aston University che rimarca ancora una volta l’importanza dell’igiene e dell’attenzione alla propagazione dei batteri patogeni nelle strutture ospedaliere.

I ricercatori hanno raccolto, utilizzando vari metodi tra cui trappole a luce ultravioletta e trappole appiccicose, più di 20.000 esemplari di insetti, di cui la maggior parte rappresentata da mosche di varie specie, in sette ospedali inglesi.
Analisi microbiologiche hanno poi dimostrato che 9/10 di questi insetti erano vettori di batteri che possono essere considerati come potenzialmente dannosi. Tra questi ultimi si possono trovare, per esempio, l’Escherichia coli, la salmonella e lo stafilococco aureo.

Le aree ospedalieri in cui sono stati raccolti gli insetti erano rappresentate anche da quelle aree in cui sono preparati o conservati alimenti per i pazienti, le aree destinate ai visitatori o al personale nonché reparti considerabili come particolarmente “sensibili”, come le unità neonatali e i settori dedicati alla maternità.
Oltre 1/4 degli insetti raccolti era rappresentato da mosche domestiche e moscerini mentre un altro 14% era rappresentato da rincoti (tra questi ultimi vi erano anche gli afidi).

I ricercatori hanno isolato 86 ceppi batterici, il 41% dei quali rappresentati da enterobatteriacee (tra questi vi erano anche l’Escherichia coli e la salmonella).
Altri batteri trovati da ricercatori erano quelli appartenenti ai gruppi dei bacilli e degli stafilococchi. I 53% dei ceppi analizzati risultava resistente a uno o più antibiotici.

Secondo Federica Boiocchi, la principale autrice dello studio, l’aspetto più interessante di questi risultati è rappresentato proprio dalla “alta alta percentuale di batteri resistenti ai farmaci trovati in questi campioni”.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo