Nuova cometa radente di Kreutz scoperta grazie a telescopio spaziale SOHO

SOHO-4000 è la 4000ª cometa scoperta grazie al telescopio spaziale SOHO. Nell’immagine la si può individuare insieme alla 3999ª, SOHO-3999 (credito: ESA/NASA/SOHO/Karl Battams)

Una nuova cometa è stata individuata da uno scienziato non professionista il 15 giugno 2020 grazie alle osservazioni del Solar and Heliospheric Observatory (SOHO), un telescopio spaziale lanciato nel 1995 da ESA e NASA.
Soprannominata SOHO-4000, la cometa risulta essere la 4000ª scoperta grazie alle osservazioni di questo telescopio spaziale in 25 anni di attività.

La cometa, come in quasi tutte quelle scoperte da questo telescopio spaziale, è parte di una famiglia denominata “comete radenti di Kreutz” (Kreutz sungrazers), un gruppo di comete che si avvicinano molto al Sole durante il perielio.
La cometa è relativamente piccola con un diametro compreso tra 4,5 metri e 9 metri il suo livello di luminosità era molto debole tanto che lo stesso SOHO è l’unico telescopio, considerando quelli spaziali e non, che avrebbe potuto individuarlo.

La scoperta è stata effettuata da Trygve Prestgard, che ha fatto l’individuazione rovistando i dati del telescopio spaziale. Quest’ultimo, lanciato nel lontano 1995, studia da allora il Sole e si trova a circa 1, 6 milioni di chilometri dalla Terra.
Oltre a reperire preziosi dati sul Sole, con il tempo i ricercatori si sono accorti che questo telescopio spaziale si rivelava più che ottimo anche per cacciare le comete ed è da diversi anni che astronomi, professionisti e non, si dedicano a rovistare tra i dati raccolti dal telescopio per cercare conferme dell’esistenza di nuove comete, cosa che è accaduta migliaia di volte.

“Non solo SOHO ha riscritto i libri di storia in termini di fisica solare, ma, inaspettatamente, ha riscritto i libri anche in termini di comete”, spiega Karl Battams, scienziato del Naval Research Lab di Washington che fa parte del team che lavora su SOHO.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook