Nuova libellula vissuta 60 milioni di anni fa intitolata a Maradona

Il resto fossile dell'ala analizzata dai ricercatori ha portato alla scoperta di una nuova specie vissuta durante il tardo paleocene (credito: Petrulevičius | Palaeoentomology)

Diego Armando Maradona resterà immortalato negli albi della classificazione degli esseri viventi dopo che il ricercatore argentino Julián F. Petrulevičius ha denominato una nuova specie di libellula, vissuta durante il tardo paleocene (60-65 milioni di anni fa), con il nome scientifico di Librelula maradoniana (nuovo genere oltre che nuova specie), come descritto nel nuovo studio apparso sulla rivista Paleaoentomology.

La nuova libellula è stata inserita nel gruppo dei megapodagrionidi, una famiglia di damigelle conosciute in inglese anche come “flatwings” per la loro caratteristica relativa all’allargare le ali posteriori sulla linea orizzontale quando si trovano a riposo.
All’interno dei megapodagrionidi c’è una sottofamiglia denominata Argiolestinae ed è proprio in quest’ultima che è stata inserita la Librelula maradoniana, la prima Argiolestinae scoperta nelle Americhe.

La nuova classificazione è stata possibile grazie alle analisi del resto fossile, impresso in una roccia, di un’ala rinvenuto nella formazione del Maíz Gordo, nell’Argentina nordoccidentale.
Se in futuro una eventuale relazione parentale tra la Librelula maradoniana con le sottofamiglie presenti in Australia fosse trovata, ciò rafforzerebbe l’idea della diffusione di queste damigelle tramite l’Antartico verso il nuovo mondo.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook