Nuova mappa interattiva di Zealandia, il misterioso microcontinente sommerso, disponibile al pubblico

Il misterioso continente “perduto” denominato Zealandia, grande 5 milioni di km quadrati e attualmente sommerso a migliaia dimetri sotto l’oceano Pacifico, è stato mappato con un livello di precisione senza precedenti da un nuovo gruppo di studio.
La “tentacolare” massa sottomarina che compone questo continente perduto, denominato “l’ottavo continente” (Secondo alcuni geologi può essere considerato un vero e proprio continente anche se sommerso), è stata scoperta già nei primi anni 90 al largo dell’Australia dell’est, letteralmente sotto la Nuova Zelanda che è rimasta l’unica regione emersa del continente.

GNS Science, un’organizzazione di ricerca governativa neozelandese, tramite nuove mappe e strumenti interattivi on-line, ha permesso di fornire un quadro più accurato, completo e aggiornato della geologia di questo misterioso continente anche i non addetti ai lavori.
La nuova mappa mostra i confini del continente, delle placche tettoniche, dei bacini sedimentari e dei vulcani (vedi il secondo link in basso).

I ricercatori confermano che fenomeni come il vulcanismo e il movimento tettonico hanno plasmato questo continente per milioni di anni facendolo poi letteralmente affondare in un periodo compreso tra 83 e 79 milioni di anni fa anche se la crosta continentale che lo compone è rimasta pressoché intatta.
Si tratta, più che altro di un frammento continentale, un vero e proprio microcontinente a sé con una superficie totale di 4, 92 milioni di chilometri quadrati, il più grande microcontinente al mondo dopo quello australiano.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook