Nuova scimmia del genere Trachypithecus scoperta in Myanmar ed è già in pericolo di estinzione

Trachypithecus popa (credito: Thaung Win)

Dopo anni di studi, tra cui l’analisi di un esemplare conservato da più di 100 anni del Museo di Storia Naturale di Londra, un team di ricercatori ha classificato una nuova specie di primate del Myanmar, denominato Trachypithecus popa. L’animale, denominato da ricercatori anche langur del Popa, sembra essere endemico solo della zona centrale del Myanmar e il suo nome deriva dal nome del Monte Popa che ne ospita la popolazione più grande fatta di circa 100 esemplari.

Il monte è in realtà un vulcano spento che ospita varie altre importanti specie ed è stato luogo di pellegrinaggio sacro in passato da parte delle popolazioni locali.
Per questa nuova specie i ricercatori hanno calcolato l’esistenza di soli circa 200-250 esemplari i quali vivono in quattro popolazioni isolate, cosa che suggerisce che sia effettivamente minacciato da estinzione anche perché la zona è soggetta a spedizioni di caccia. Appena descritto, il nuovo animale è quindi già in pericolo di estinzione, come spiega Frank Momberg, uno degli autori dello studio.

A differenziarlo dalle altre specie di primati dell’area c’è la colorazione della pelliccia insieme ad altre caratteristiche morfologiche tra cui la lunghezza della coda e le dimensioni del cranio. Inoltre a confermare la specificità ci sono gli studi genetici di alcuni campioni fecali (prelevati in natura nell’area interessata) e di tessuto (prelevati dall’esemplare conservato nel museo) che gli stessi ricercatori hanno realizzato, studi che hanno suggerito che il Trachypithecus popa si è separato da altre specie conosciute all’incirca 1 milione di anni fa.

Il Trachypithecus, noto anche con il nome di presbite o con quello indonesiano di lutung, è un genere di scimmie erbivore del Vecchio Mondo diffuse soprattutto nell’Asia sudorientale, nell’India e nello Sri Lanka. Il genere contiene una ventina di specie ed è quello più geograficamente disperso rispetto agli altri generi di colobini asiatici.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook