Nuova superterra scoperta intorno a nana rossa distante 36 anni luce

Rappresentazione artistica della nuova superterra intorno alla stella nana rossa GJ-740 scoperta dai ricercatori (credito: Gabriel Pérez Díaz, SMM (IAC))

Una nuova scoperta mostra che pianeti simili alla Terra non sono per nulla rari intorno alle nane rosse, una delle tipologie di stelle più comuni della nostra galassia. Diversi scienziati hanno infatti affermato che dovremmo concentrarci soprattutto sui pianeti che orbitano intorno a queste stelle per avere più possibilità di trovare la vita extraterrestre.

Anche se sono più piccole e meno calde del Sole (hanno una massa misurabile, di solito, tra 0,08 e 0,45 masse solari), queste stelle potrebbero benissimo erogare l’energia necessaria per la vita ad un pianeta posto alla debita distanza. Inoltre, intorno a stelle più piccole e più fredde come le nane rosse, è molto più facile individuare pianeti più piccoli come quelli simili alla Terra.
Un nuovo studio, apparso su Astronomy & Astrophysics, annuncia la scoperta di una nuova superterra che orbita proprio intorno ad una nana rossa. I ricercatori, guidati da Borja Toledo Padrón, dottorando presso l’Instituto de Astrofísica de Canarias (IAC), hanno scoperto una nuova superterra intorno alla stella GJ 740, una nana rossa che si trova ad una distanza di circa 36 anni luce dalla Terra.

Questo pianeta sembra orbitare intorno alla stella ogni 2,4 giorni e la sua massa è paragonabile, secondo i ricercatori, a tre volte quella della Terra. Si tratta del pianeta caratterizzato dal secondo periodo orbitale più breve intorno ad nana rossa mai individuato, come spiega lo stesso Padrón. Secondo i ricercatori si tratta di un pianeta roccioso con un raggio di circa 1,4 raggi terrestri, caratteristiche che comunque dovrebbero essere confermate con osservazioni da effettuare in futuro tramite il satellite orbitale TESS.
Inoltre intorno a questa stella dovrebbe esserci un altro pianeta, con un periodo orbitale molto più lungo, di circa nove anni, e con una massa che paragonabile a quella di Saturno (all’incirca 100 masse terrestri), ma questo secondo pianeta è ancora da confermare.

Note e approfondimenti

  1. A super-Earth on a close-in orbit around the M1V star GJ 740 – A HADES and CARMENES collaboration | Astronomy & Astrophysics (A&A) (IA) (DOI: 10.1051/0004-6361/202040099)

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Data articolo