Nuove tipologie di ponti ibridi scorrevoli e oscillanti che resistono a terremoti sviluppate da ricercatori

Viene descritto un nuovo e probabilmente innovativo design per costruire ponti denominato “ponte ibrido scorrevole-oscillante” in un nuovo studio apparso su Structure and Infrastructure Engineering e condotto da ricercatori della Texas A&M University e dell’Università del Colorado Boulder.
“I ponti, in particolare quelli nelle regioni ad alto sismico, sono vulnerabili ai danni e ad un certo punto avranno bisogno di riparazioni. Ma ora la domanda è che tipo di riparazioni dovrebbero essere utilizzate per diversi tipi e livelli di danno, quale sarà il loro costo riparazioni e quanto tempo impiegheranno le riparazioni – queste sono tutte incognite per i nuovi progetti di ponti”, spiega Petros Sideris, professore presso il Dipartimento di ingegneria civile e ambientale di. “Abbiamo risposto a queste domande per un nuovo progetto di ponti utilizzando un approccio che viene utilizzato raramente nell’ingegneria strutturale”.

L’architettura di questo nuovo approccio si ispira agli arti e alle articolazioni del corpo per resistere quanto più possibile terremoti ma anche per ridurre i costi di riparazione a seguito di eventi di questo genere. Il ponte, infatti, si regge su diverse colonne e segmenti ispirati alle articolazioni e agli arti. Grazie a questo design, quando avviene un terremoto le “articolazioni” fanno sì che parte dell’energia scaturita dal movimento del terreno si diffonda mentre i segmenti-“arti” cominciano a muoversi leggermente scivolando e dunque non spezzandosi o piegandosi.

Si sono poi rivolti ad un team di esperti per capire le possibilità che un ponte del genere possa subire dei danni nel corso di un terremoto e per quantificarli. Nel corso dei test ponti con questa nuova struttura sembravano subire meno danni rispetto ai ponti costruiti con architetture tradizionali. Inoltre i danni che i nuovi ponti subivano risultavano riparabili in un tempo minore e senza strategie speciali per il restauro.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook