Nuovo coronavirus sará in circolazione per sempre secondo esperto britannico

Credito: mohamed_hassan, Pixabay, 4931227

Il nuovo coronavirus sará in circolazione per sempre: sono queste le parole del professor Mark Walport, membro di un gruppo consultivo scientifico per le emergenze che fa capo al governo britannico in relazione alla pandemia da COVID-19 in corso causata dal virus SARS-CoV-2.
Lo stesso Walport spiega, come rileva il Guardian, che la malattia sarà evidentemente sempre in circolazione e che difficilmente potrà essere sconfitta o sradicata del tutto e sarà quindi necessario fare vaccinazioni regolari alle popolazioni, una volta che un vaccino adeguato sarà stato realizzato, naturalmente.

In un’intervista alla radio della BBC, l’esperto infatti spiega che la COVID-19 probabilmente non sarà una malattia che potrà essere debellata con la vaccinazione, come è successo con il vaiolo.
In una forma o nell’altra, il virus ” sarà con noi per sempre”, dichiara Walport che mette a confronto la COVID-19 con l’influenza stagionale: anche in quest’ultimo caso, infatti, c’è bisogno di vaccinazioni ripetute ad intervalli regolari per far sì che non si diffonda troppo.
Inoltre secondo Walport non è per nulla improbabile che, a livello di diffusione, il virus possa di nuovo sfuggire al controllo. Non per questo, però, dovrebbero essere imposti blocchi completi: secondo l’esperto basteranno misure più mirate e localizzate in relazione anche al fatto che il virus comunque non scomparirà.

Si tratta comunque di un “terribile equilibrio” quello di provare a ridurre al minimo i danni senza al contempo fare ricorso ai blocchi che comunque danneggiano fortemente l’intera economia di un paese.
Inizialmente però i blocchi erano più che giustificati perché evidentemente si conosceva troppo poco riguardo al virus per poter mettere in atto subito delle procedure localizzate che invece possono essere realizzate oggi, sulla base anche delle ricerche e delle informazioni che abbiamo riguardo al virus.
Secondo l’esperto, inoltre, solo nel Regno Unito una persona su cinque ha contratto il virus.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook