Nuovo disinfettante più efficiente elimina batteri e virus a concentrazioni bassissime

Credito: Squirrel_photos, Pixabay, 5093503

Una nuova tecnologia per produrre disinfettanti efficaci nonché rispettosi per l’ambiente che siano basati sulla semplice acqua, come quella del rubinetto, è stata sviluppata da un team di ricercatori dell’Università Bar-Ilan. Il disinfettante che hanno sviluppato i ricercatori può anche eliminare e uccidere batteri e virus, anche quelli della famiglia dei coronavirus. Il nuovo disinfettante è già stato testato e si è dimostrato efficace nel neutralizzare gli stessi coronavirus.

Il disinfettante viene creato tramite una tecnologia che prevede l’utilizzo di elettrodi a forma di nanometro che vantano proprietà uniche. Questi elettrodi, una volta contatto con l’acqua, creano diversi composti che insieme mostrano una capacità antibatterica e antivirale e risulta sicura non solo per l’ambiente ma anche per gli altri microrganismi “buoni” o per le cellule della pelle.
Il nuovo disinfettante potrebbe essere commercializzato o comunque utilizzato sotto forma di spray-aerosol, sotto forma di sapone (ad esempio per le mani) o immesso su salviette disinfettanti o altre tipologie di detergenti.

Secondo gli scienziati che hanno creato questo nuovo disinfettante, la sua capacità antisettica risulterebbe 100 volte più forte di quella della candeggina e quindi sarebbero sufficienti concentrazioni comprese tra 50 e 200 mg per litro di acqua per avere un buon livello di disinfezione (la candeggina richiede tra 5000 e 20.000 milligrammi per litro).
Lo stesso disinfettante può rimanere efficace per due mesi e, per rispettare ancora di più l’ambiente, potrebbe essere commercializzato in flaconi riciclabili.

“Abbiamo esaminato la capacità di questi materiali di compromettere l’infezione da herpes simplex virus di tipo 1 e il coronavirus umano OC43. Entrambi i virus sono stati completamente eliminati se esposti ai disinfettanti per diversi periodi di tempo. Le caratteristiche strutturali dell’OC43 sono simili a quelle della recente SARS-CoV-2 e ciò suggerisce che questo virus sarà facilmente eliminato con questo disinfettante”, spiega Ronit Sarid, ricercatore del Mina and Everard Goodman Faculty of Life Sciences dell’università israeliana.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook