Nuovo farmaco che imita ormone utile per perdere peso e per aumentare colesterolo buono

Credito: moritz320, Pixabay, 5693575

Un nuovo farmaco anticorpo sperimentale che imita un ormone naturale denominato fattore di crescita dei fibroblasti 21 (FGF21) può essere di utilità per le persone onde perdere peso. Questo farmaco è di aiuto al metabolismo per quanto riguarda il consumo di calorie l’in generale l’assunzione di cibo.
Il FGF21 stimola i recettori nel tessuto adiposo, nei pancreas, nel fegato e nel sistema nervoso centrale ed è presente in quantità più alte nelle persone obese oppure con diabete di tipo 2 o steatosi epatica non alcolica.

Il farmaco usato dagli scienziati era una versione del FGF21 modificata affinché favorisse il metabolismo. Tuttavia al momento la proteina che produce viene eliminata dal corpo ancora troppo velocemente per essere utile sul medio o sul lungo periodo e infatti gli effetti positivi sul peso sono considerati ancora come temporanei.
Nel corso degli esperimenti effettuati dai ricercatori, una singola iniezione di questo farmaco stimolava netti miglioramenti metabolici in adulti in sovrappeso o obesi, miglioramenti che duravano fino a due mesi.

Durante questo periodo, i soggetti che hanno partecipato all’esperimento assumevano meno calorie tramite il cibo e mostravano un aumento all’interno del corpo del colesterolo HDL, quello “buono”, e una diminuzione del colesterolo LDL, quello “cattivo”, dell’insulina e dei trigliceridi.
Inoltre i soggetti mostravano una minore preferenza per i dolci e in generale sono riusciti a perdere circa 1 kg, risultati che gli stessi scienziati hanno definito come “interessanti”, nonostante si tratti di un lavoro sperimentale ancora nelle sue prime fasi.

“Lo scopo di questo studio era davvero quello di determinare la dose e di avere un’idea della prova del concetto”, spiega Donna Ryan, professoressa del Pennington Biomedical Research Center di Baton Rouge.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook