Nuovo gatto dai denti a sciabola identificato dopo che resti erano stati esposti per decenni in museo

Credito: Valentyna Chukhlyebova, Shutterstock, ID: 1009663675

I resti di un animale dai denti a sciabola scoperti nel Wyoming, Stati Uniti, e conservati allo Smithsonian National Museum of Natural History di Washington per decenni sono stati analizzati da uno studente laureato dell’Università dell’Oregon e i risultati sono eccezionali. Paul Barrett ha infatti identificato una nuova specie che ha denominato Eusmilus adelos e che è descritta in un nuovo studio apparso su Scientific Reports.

È un mammifero carnivoro nimravide

La nuova specie è stata inserita nella famiglia dei nimravidi (Nimravidae), un gruppo di mammiferi carnivori imparentati con gli odierni felini (vengono per questi chiamati anche “paleofelidi”). I nimravidi vissero da 40 a 7 milioni di anni fa e quasi tutti avevano dimensioni paragonabili a quelle di una lince rossa o di un puma. Sono noti soprattutto perché diverse specie di questo gruppo hanno sviluppato caratteristici denti “a sciabola”.

L’Eusmilus adelos

L’Eusmilus adelos aveva dimensioni più o meno simili a quelle dello Smilodon, un genere di felide e uno dei felini dai denti a sciabola più noti, vissuto tra 2,5 milioni e 10.000 anni fa.
Il genere Eusmilus conta ora tre specie (le altre due sono E. bidentatus e E. villebramarensis) e quella descritta in questo studio è la più grande. Alcuni autori hanno inserito in passato in questo gruppo anche un’altra specie ( E. Ekgmoiteptecela) che però è poi risultata sinonimo di Hoplophoneus, un altro genere estinto di nimravide.

Storia evolutiva dei nimravidi riscritta?

Con questo studio, che prende in considerazione diversi aspetti morfologici dei nimravidi e non solo le dimensioni della forma distintiva, Barrett riscrive in parte la storia evolutiva dei nimravidi.
Non hanno acquisito semplicemente denti più lunghi con il passare del tempo, come ipotizzato precedentemente, ma si sono divisi in due gruppi quando sono comparsi. Uno di essi sviluppó i denti a sciabola, l’altro si è ramificato in tante altre specie più simili ai felini odierni.
Questa diversificazione si è verificata, tra l’altro, in piccolo anche per quanto riguarda il ramo dello stesso Smilodon: quando si estinse, spiega Barrett, diverse altre specie sorelle si diversificarono diventando poi i vari felini che vediamo oggi.

Posizionamento tassonomico dei Nimravidae ancora oggi discusso

I Nimravidae sono stati conosciuti per lungo tempo anche come “falsi gatti dai denti a sciabola” e sono stati inseriti come uno dei tre gruppi di animali dai denti a sciabola nel grande gruppo dei Carnivoramorpha. Tuttavia il posizionamento tassonomico dei Nimravidae è ancora oggi discusso e questo studio non farà altro che ravvivare ancora di più la discussione.

Note e approfondimenti

  1. The largest hoplophonine and a complex new hypothesis of nimravid evolution | Scientific Reports (DOI: 10.1038/s41598-021-00521-1)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo