Nuovo materiale antigelo ispirato agli occhi delle falene

Vari momenti dell’accumulo di ghiaccio sulla superficie “ghiaccio fobica” creata da ricercatori (credito: Nguyen Ba Duc)

È fatto con una struttura unica, modellata sugli occhi delle falene, lo strato creato da un team di ricercatori che ha pubblicato uno studio su AIP Advances.
Si tratta di nuovo materiale antigelo dalle prestazioni più efficienti che potrebbe essere utilizzato, per esempio, per ridurre l’accumulo di ghiaccio che si forma sulle ali degli aerei, una cosa che non permette un agile sollevamento degli aerei stessi e in generale può causare grossi problemi.

Gli occhi delle falene, infatti, hanno una particolare superficie “ghiaccio-fobica” trasparente e, per imitarla, i ricercatori hanno realizzato una nanostruttura su uno substrato di quarzo il quale è stato coperto con uno strato di paraffina.
La paraffina permette al quarzo di essere isolato e dunque di non subire le conseguenze del freddo e dell’umidità. I ricercatori hanno scelto la cera paraffinica perché ha una conduttività termica molto bassa ed è idrorepellente.

La struttura risultante vanta prestazioni antigelo “notevolmente migliorate”, come riferisce il comunicato stampa relativo allo studio, in quanto combina l’idrorepellenza tipica della paraffina con una nanostruttura che rallenta la formazione di ghiaccio. A contribuire al ritardo del trasferimento di calore dall’interno sono anche i piccoli blocchi d’aria intrappolati all’interno della nanostruttura. In questo modo le gocce d’acqua che si attaccano sulla superficie ci mettono più tempo per congelarsi.
“Abbiamo anche stabilito che questo esclusivo campione di nanostrutture è adatto per applicazioni ottiche, come gli occhiali, in quanto ha un’elevata trasparenza e proprietà antiriflesso”, riferisce Nguyen Ba Duc, uno degli autori dello studio.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook