Nuovo metallo rigido ma molto flessibile potrebbe azzerare vibrazioni nei mezzi di trasporto del futuro

Una delle caratteristiche più sconvenienti per quanto riguarda i viaggi nei mezzi di trasporto odierni è relativa alle vibrazioni: sperimentarne troppe vuol dire stare scomodi o nei casi peggiori subire danni per quanto riguarda parti del corpo più sensibili come la spina dorsale.

Un materiale rigido come il metallo ma così flessibile da poter resistere anche a forti vibrazioni è stato presentato in un articolo pubblicato su Scientific Reports da vari scienziati dell’Università del Surrey, della Johns Hopkins University di Baltimora e dell’università della California.

Utilizzando lastre composite tridimensionali con fibre selezionate che consentono alla sezione interna di spostarsi e di assorbire le vibrazioni, i ricercatori hanno creato un materiale che potrebbe rivoluzionare l’industria dei trasporti del futuro, in particolare quella di treni, automobili e velivoli.
Questo materiale, infatti, permetterebbe ai passeggeri di sperimentare pochissime o nessuna vibrazione durante i viaggi.

Stefan Szyniszewski, autore principale dello studio, dichiara: “L’idea di un composito risolve il paradosso della rigidità e dello smorzamento che si pensava fosse impossibile – eppure eccoci qui. Si tratta di uno sviluppo entusiasmante che potrebbe generare ondate di shock nell’industria automobilistica, ferroviaria e aerospaziale, un materiale che potrebbe rendere i veicoli del prossimo futuro più comodi che mai.”

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi