Nuovo metodo di stampa 3D permette elaborazione di gocce di fluido senza precedenti

Il nuovo metodo prevede la sospensione di strati 3D di goccioline in modo da consentire un'elaborazione e una sperimentazione precisa (credito: Singapore-MIT Alliance for Research and Technology (SMART))

Un nuovo metodo di stampa 3D di piccole goccioline e in generale per la generazione e l’elaborazione di gocce di fluido in condizioni “precedentemente raggiungibili” è stato sviluppato da un team di ricercatori del Singapore-MIT Alliance for Research and Technology (SMART).
Secondo gli stessi ricercatori, questo nuovo metodo può essere utilizzato per una serie di applicazioni scientifiche, inclusi il comparto biologico e chimico, e potrebbe rendere possibile la creazione di prodotti farmaceutici più mirati ed elaborati.

Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences. Il metodo permette di ricreare, tramite la stampa 3D, particelle sospese perfettamente sferiche. Queste piccole sfere possono poi essere riempite con farmaci.
Differentemente da altri metodi, qui non si hanno deformazioni e le stesse goccioline non hanno una forma ovoidale, malformazioni che possono provocare scarsa scorrevolezza quando si assumono i farmaci. Con questo metodo potrebbero essere sviluppati medicinali ad alta potenza che debbono essere assunti in dosi molto piccole, qualcosa che potrebbe rendere ancora più agevole una medicina su misura.

A spiegare i risultati del progetto è lo scienziato Nif Saif Khan: “Abbiamo sviluppato un set di strumenti che ci consente di osservare e elaborare molte diverse applicazioni con questo metodo unico, tra cui reazioni chimiche e biologiche. I prodotti farmaceutici sono solo una delle aree in cui ciò potrebbe produrre risultati trasformativi, che è il punto su cui si concentra il nostro lavoro. Potremmo cambiare il modo in cui vengono prodotti i farmaci, formularli in modo da migliorare la qualità, rivoluzionare il modo in cui i farmaci esistenti vengono assunti dai pazienti e immaginate farmaci completamente nuovi che non possono essere prodotti oggi”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook