Nuovo metodo separa efficientemente CO₂ dai gas di scarico industriali

Immagine in sezione trasversale al microscopio elettronico del nuovo materiale ibrido (credito: Martin Rieß)

Un nuovo materiale che separa l’anidride carbonica dai gas di scarico industriali, dal gas naturale o dal biogas è stato sviluppato da un gruppo di chimici dell’Università di Bayreuth. Secondo il comunicato stampa che è stato pubblicato sul sito Web della stessa università, si tratta di un’invenzione che potrebbe offrire un contributo determinante per quanto riguarda la protezione del clima e per quanto riguarda le possibilità di arrivare ad una produzione industriale sostenibile.
Il metodo per separare la CO2 dai gas è stato descritto in un nuovo studio apparso su Cell Reports Physical Science.

Non è il primo dispositivo che può separare l’anidride carbonica dai gas di scarico ma, secondo il comunicato, questo metodo vanta una caratteristica fondamentalmente diversa rispetto agli altri processi di separazione. Il nuovo dispositivo può rimuovere la CO2 dalle miscele di gas con l’anidride carbonica che si accumula solo per un’interazione fisica e non tramite legami chimici. Questo significa che la stessa anidride carbonica può poi essere liberata e utilizzata, ad esempio per nuove produzioni industriali, senza che ci sia bisogno di un quantitativo di energia molto alto. L’anidride carbonica viene infatti immagazzinata in una sorta di serbatoio di stoccaggio il quale può essere riempito e svuotato in maniera efficiente energeticamente parlando.

“Il nostro team di ricerca è riuscito a progettare un materiale che svolge due compiti contemporaneamente. Da un lato, le interazioni fisiche con la CO₂ sono abbastanza forti da liberare e trattenere questo gas serra da una miscela di gas. D’altra parte, tuttavia, sono abbastanza deboli da consentire il rilascio di CO₂ dal materiale con solo una piccola quantità di energia”, spiega Martin Rieß, il primo autore dello studio nonché ricercatore del laboratorio di chimica organica e dell’Università tedesca.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook