Nuovo misterioso “liquido quantistico” scoperto da scienziato

Il primo autore dello studio, Koen Bastiaans (credito: Università di Leida)

Un “nuovo liquido quantistico diverso da qualsiasi cosa mai vista” viene annunciato in un nuovo articolo apparso oggi sul sito dell’Università di Leida. Il ricercatore Koen Bastiaans ha usato una nuova tecnica grazie alla quale ha fatto una scoperta che potrebbe rivelarsi utile nel settore dei superconduttori.

Quello che hanno fatto i ricercatori è scoprire che le cosiddette “coppie di Cooper” (un particolare stato che si crea tra due elettroni quando si legano e che si ottiene quando si contrasta la loro naturale forza repulsiva) non sono collegabili al processo della loro stessa condensazione in uno stato privo di resistenza. Si pensava, infatti, che si trattasse di un processo congiunto che avviene contemporaneamente ma sembra non essere così: “Per me, questo ha completamente cambiato il modo in cui penso alla superconduttività”, spiega Bastiaans.
In pratica si possono avere coppie di Cooper che si formano senza alcuno sforzo e soprattutto senza resistenza, cosa che favorisce la superconduttività.

Inoltre le coppie di Cooper sembrano poter esistere ancora al di sopra della cosiddetta temperatura di transizione dei superconduttori, cosa che porta alla formazione del nuovo, misterioso liquido quantistico.
“Ci sono stati indizi che ciò fosse possibile, ma mai una prova incontrovertibile. Significa che abbiamo effettivamente trovato un nuovo tipo di liquido quantistico: uno stato della materia che è resistivo, ma completamente composto da coppie di Cooper”, spiega ancora lo scienziato secondo il quale il meglio deve ancora venire.[1]

Note e approfondimenti

  1. Raindrops on the roof-technique reveals new quantum liquid – Leiden University (IA)
  2. Direct evidence for Cooper pairing without a spectral gap in a disordered superconductor above Tc (IA) (DOI: 10.1126/science.abe3987)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo