Nuovo nanogeneratore bionico estensibile ed impermeabile sviluppato da ricercatori cinesi

sistema di monitoraggio del movimento umano subacqueo wireless basato sullo nuovo nanogeneratore (credito: TAN Puchuan)

Un nuovo nanogeneratore bionico estensibile (bionic stretchable nanogenerator, BSNG) è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori dell’Istituto di Nanoenergia e Nanosistemi di Pechino e dell’Accademia delle Scienze cinese.

Questo nuovo piccolo generatore potrebbe fornire l’energia necessaria per tutti gli applicativi e i dispositivi indossabili o comunque flessibili e deformabili nonché impermeabili (può lavorare anche sott’acqua).
Inoltre, secondo gli stessi ricercatori, potrebbe essere utilizzato per quei dispositivi che rilevano e monitorano il movimento umano in quanto è molto flessibile ed è molto reattivo allo stress meccanico. Altri applicativi possono essere quelli relativi alla pelle elettronica, ai robot “morbidi” e ai dispositivi medicali impiantabili.

La tecnologia che i ricercatori hanno applicato a questo nuovo nanogeneratore è ispirata al funzionamento degli elettrociti nell’anguilla elettrica (Electrophorus electricus), un pesce che è caratterizzato dalla presenza di tre paia di organi addominali, fatti appunto di elettrociti, tramite i quali produce elettricità.
Il nuovo nanogeneratore è capace di generare una tensione a circuito aperto fino a 10 volt sott’acqua. In condizioni asciutte può invece arrivare a generare una tensione fino a 170 volt.

È inoltre molto resistente alla deformazione e all’estensione grazie alla sua elasticità. Onde dimostrare il vantaggio che si può ottenere da un nanogeneratore del genere, i ricercatori lo hanno testato per monitorare il movimento di un sub in immersione.
Il nanogeneratore può sfruttare i movimenti del corpo umano per convertirli in energia elettrica a sua volta immagazzinata nei suoi condensatori.

Nanogeneratore estensibile bionico (BSNG) (credito: TAN Puchuan)

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo