Nuovo tipo di OLED polarizzato può raddoppiare efficienza energetica degli smartphone

Credito: ACS Nano, 2019, DOI: 10.1021/acsnano.9b02940

Un nuovo OLED polarizzato che potrebbe rivoluzionare i livelli di efficienza energetica dei dispositivi mobili è stato sviluppato da un gruppo di ricerca dell’Imperial College di Londra.

Attualmente la maggior parte dei display degli smartphone è costituita da minuscoli dispositivi denominati OLED (diodi organici emettitori di luce).
Questi piccoli dispositivi integrati nello schermo, per far sì che quest’ultimo possa essere visualizzabile anche in condizioni di luce superiore al normale, sostanzialmente quando ci si trova all’aperto durante una giornata soleggiata, dispongono di una sorta di filtro antiriflesso.

Ma questi filtri fanno sì che metà della luce generata da ciascun pixel rimanga poi intrappolata nel display, qualcosa che abbassa i livelli di efficienza energetica.
Il team ha dell’istituto inglese, che pubblicato il proprio studio su ACS Nano, dichiara di aver creato un nuovo tipo di OLED i quali possono emettere una luce polarizzata la quale a sua volta può bypassare il filtro antiriflesso.

Questi OLED permetterebbero uno schermo dalla maggiore efficienza energetica e una durata della batteria più lunga.
I risultati di questa ricerca “potrebbero rendere gli schermi di tutti i tipi più luminosi, con un contrasto migliore e una vita più lunga, dichiara Jess Wade, una delle ricercatrici impegnate nello studio.
Questo approccio potrebbe comunque rivelarsi utile anche per altre applicazioni, sostengono gli stessi ricercatori, ad esempio nella memorizzazione e nella crittografia dei dati.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook