Nuovo trattamento una tantum genera nuovi neuroni ed elimina Parkinson nei topi

Astrociti di topo prima della riprogrammazione (a sinistra). Neuroni indotti da astrociti di topo dopo riprogrammazione (a destra) (credito: UC San Diego Health Sciences)

Un trattamento una tantum capace di generare nuovi neuroni e di provocare la remissione della malattia di Parkinson nei topi è stato sviluppato da un team di ricercatori guidato da Xiang-Dong Fu della Scuola di Medicina dell’Università della California a San Diego.
I ricercatori hanno manipolato una proteina denominata PTB, già conosciuta perché può influenzare quali geni possono essere attivati o disattivati in una cellula, per ridurre la quantità di questa stessa proteina e silenziare il gene PTB nelle cellule del tessuto connettivo (fibroblasti).

I ricercatori hanno dunque scoperto che inibendo o eliminando un solo gene, quello che codifica per la proteina PTB, era possibile trasformare diverse tipologie di cellule nei ratti direttamente in neuroni. Con ulteriori ricerche, gli scienziati sono riusciti ad ottenere questi risultati tramite un singolo trattamento con il quale inibivano la PTB nei topi trasformando cellule astrociti in neuroni che producevano la dopamina. Conseguentemente i sintomi del Parkinson scomparivano nei ratti.

“I ricercatori di tutto il mondo hanno provato molti modi per generare neuroni in laboratorio, usando cellule staminali e altri mezzi, così possiamo studiarli meglio e usarli per sostituire i neuroni persi nelle malattie neurodegenerative”, spiega Fu. “Il fatto che siamo riusciti a produrre così tanti neuroni in un modo relativamente semplice è stata una grande sorpresa”.

Un altro ricercatore impegnato nello studio, William Mobley, professore di neuroscienze presso la UC San Diego, dichiara di essere rimasto sbalordito da ciò che ha visto e parla di una nuova strategia per il trattamento della neurodegenerazione che infondere speranza per trattamenti anche per i pazienti che sono in fase avanzata.
Lo studio è stato pubblicato su Nature.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook