Olio di canapa efficace nel ridurre dolore neuropatico cronico

Credito: CBD-Infos-com, Pixabay, 4470085

L’olio di canapa estratto dalla cannabis può rivelarsi utile per trattare in maniera efficace il dolore neuropatico cronico. È quanto hanno scoperto, facendo esperimenti su animali, i ricercatori dell’Università del New Mexico (UNM).
I ricercatori scoprivano infatti che l’olio di canapa legale poteva ridurre la sensibilità al dolore di 10 volte e per diverse ore nei topi che soffrivano di dolore neuropatico post-operatorio cronico.

La canapa ora è legale a livello federale sia per la produzione che per il consumo in molte aree degli Stati Uniti e di conseguenza sono sempre più numerosi gli studi per capirne l’utilizzo in vari contesti e con varie patologie. La canapa può essere considerata un’opzione alternativa naturale, efficace e, come hanno rilevato la maggioranza degli studi, relativamente sicura per trattare il dolore.
Questo è il primo studio che determina il potenziale terapeutico dell’olio di canapa legale con bassi livelli di THC.

Come spiega Jacob Miguel Vigil, professore del Dipartimento di Psicologia dell’UNM, uno degli autori dello studio, “le piante di cannabis con basso THC sono ancora psicoattive, ma tendono a provocare esperienze meno psichedeliche, pur offrendo un sollievo profondo e spesso immediato da sintomi come dolore, ansia e depressione”.
I ricercatori hanno eseguito esperimenti sui topi con nervo lesionato in modo che il loro dolore imitasse il dolore neuropatico umano di tipo cronico.

Gli studi sul dolore eseguiti sugli animali a volte possono essere superiori anche agli studi clinici, ossia quelli effettuati sugli umani, in quanto i giudizi e le reazioni percettive e cognitive di questi ultimi, quando devono determinare livello del loro dolore, possono essere soggetti a grossi pregiudizi e possono cambiare di soggetto in soggetto a seconda del profilo emozionale.
“Le piante di canapa contengono numerosi componenti terapeutici che probabilmente contribuiscono alle risposte analgesiche, tra cui terpeni e flavonoidi, che in teoria lavorano insieme come membri di una sinfonia, spesso descritta come effetto entourage”, spiega Jegason P. Diviant, un altro degli autori dello studio.
In ogni caso gli stessi ricercatori fanno notare che esistono pochi studi sull’utilizzo a lungo termine dell’olio di canapa in quanto si tratta di una sostanza che è quasi sempre stata vietata negli Stati Uniti e in molte aree del mondo. “Tuttavia, questo è un momento estremamente eccitante nella scoperta medica moderna, perché il cittadino medio ora ha accesso legale a un farmaco completamente naturale ed efficace che può essere prodotto facilmente ed economicamente, semplicemente attaccando un seme nel terreno e prendendolo cura di te come faresti con qualsiasi altra parte importante della tua vita”, spiega ancora Vigil.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook