Ondate di calore: effetti imprevisti sul fitoplancton

Recenti studi presso l’Istituto Alfred Wegener rivelano che il fitoplancton artico reagisce in modo diverso alle ondate di calore rispetto a temperature costantemente elevate. Questa scoperta, pubblicata su Science Advances, è emersa da esperimenti condotti presso la stazione AWIPEV, concentrandosi sugli effetti delle temperature fluttuanti su questi organismi vitali.

Aumento delle ondate di calore nell’Artico

Le ondate di calore stanno diventando più comuni nell’Artico, influenzando in modo significativo sia la temperatura dell’aria che quella dell’oceano. Questi brevi periodi di caldo intenso, della durata di almeno cinque giorni, sollevano interrogativi sui loro effetti sulla vita marina polare. La dottoressa Klara Wolf e il dottor Björn Rost hanno condotto esperimenti per capire come le alghe unicellulari, che costituiscono la base della rete alimentare marina, rispondono a condizioni così estreme.

Risposte complesse alle ondate di calore

I ricercatori hanno coltivato comunità naturali di fitoplancton dal Kongsjorden in diverse condizioni di temperatura. Hanno osservato che mentre le temperature elevate e stabili stimolavano la crescita e la produttività del fitoplancton, le risposte alle ondate di calore erano più complesse. I periodi di raffreddamento successivi alle ondate di caldo hanno svolto un ruolo cruciale nel determinare l’impatto complessivo su queste comunità.

Comprensione delle fasi di riscaldamento e raffreddamento

Il Dr. Wolf ha osservato che a temperature stabili, anche un aumento significativo di 7°C porta ad un aumento della produttività con cambiamenti minimi nella composizione delle specie. Tuttavia, gli effetti delle ondate di calore variano notevolmente, suggerendo che le attuali conoscenze sul riscaldamento costante non possono essere applicate direttamente a questi eventi a breve termine. Il dottor Rost ha sottolineato l’importanza di comprendere sia le fasi di riscaldamento che quelle di raffreddamento per prevedere gli impatti ecologici più ampi.

Implicazioni per gli studi sui cambiamenti climatici

Questa ricerca evidenzia la necessità di considerare le fluttuazioni della temperatura quando si studiano gli effetti dei cambiamenti climatici sull’ecosistema artico. Mentre un riscaldamento stabile può aumentare la produttività, alcune ondate di caldo potrebbero ridurla, complicando le previsioni sulla futura produzione primaria e sui cambiamenti della biodiversità. Lo studio sottolinea l’importanza del fitoplancton come indicatore chiave dei cambiamenti ecologici, influenzando l’intera rete alimentare dai produttori primari ai livelli trofici più elevati, compresa la pesca.

FAQ

Come reagisce il fitoplancton artico alle onde di calore?

Il fitoplancton reagisce in modo complesso alle onde di calore, con cambiamenti nella produttività e nella composizione delle specie.

Qual è la differenza tra l’effetto delle temperature elevate stabili e le onde di calore?

Le temperature elevate stabili aumentano la produttività del fitoplancton, mentre le onde di calore causano effetti più complessi e variabili.

Quanto durano le onde di calore studiate nell’esperimento?

Le onde di calore nell’esperimento duravano cinque giorni, seguite da tre giorni di raffreddamento.

Quali sono le temperature utilizzate negli esperimenti di riscaldamento?

Gli esperimenti hanno utilizzato temperature stabili di 2°C, 6°C e 9°C e onde di calore di 6°C e 9°C.

Come influisce il raffreddamento sul fitoplancton dopo le onde di calore?

Il raffreddamento dopo le onde di calore ha un impatto significativo sulla produttività e sulla composizione delle specie del fitoplancton.

Quali sono le implicazioni per l’ecosistema artico?

Le variazioni nella produttività del fitoplancton possono influenzare l’intero ecosistema artico, dai produttori primari ai livelli trofici superiori.

Perché è importante studiare le fasi di raffreddamento?

Le fasi di raffreddamento sono cruciali per comprendere pienamente l’impatto delle onde di calore, poiché influenzano significativamente il fitoplancton.

Quali sono le prossime fasi della ricerca?

I ricercatori intendono approfondire la comprensione dei processi meccanici che influenzano il fitoplancton durante le onde di calore e le fasi di raffreddamento.

Approfondimenti

  1. Heatwave responses of Arctic phytoplankton communities are driven by combined impacts of warming and cooling | Science Advances
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo