Ondate di calore? Irrigare spazi verdi aiuta tantissimo secondo nuovo studio

Credito: u_cq5nour74s, Pixabay, ID: 7262565

Gli spazi verdi urbani possono beneficiare fortemente dell’irrigazione per il contrasto al caldo e al cosiddetto “calore urbano”. Lo riferisce un nuovo studio pubblicato su Environmental Research: Climate che prende in considerazione proprio l’irrigazione degli spazi verdi urbani in relazione al fenomeno dell’evapotraspirazione.

L’evapotraspirazione

L’evapotraspirazione è il livello di quantità d’acqua che evapora dalla superficie del terreno attraverso la traspirazione delle piante. Secondo i ricercatori l’evapotraspirazione resta, negli spazi urbani occupati dalla vegetazione, l’unico meccanismo di raffreddamento in assenza di ombreggiamento e dunque un fattore da prendere in forte considerazione per quanto riguarda il contrasto alle ondate di calore.
La stessa evapotraspirazione, però, spiegano i ricercatori, dipende da diversi fattori tra cui il clima, la stagionalità e il tipo di vegetazione. Capire come l’irrigazione urbana degli spazi verdi possa essere realizzata efficacemente, prendendo anche in considerazione i problemi di gestione relativi all’approvvigionamento idrico, risulta quindi quantomai importante.

Irrigare gli spazi verdi può ridurre fortemente temperatura delle città

I ricercatori sono giunti alla conclusione che irrigare gli spazi verdi può ridurre in media la temperatura massima giornaliera dell’aria di 2,5° e alla temperatura della superficie del suolo di 4,9°. Tra le analisi che i ricercatori hanno effettuato c’è stata anche quella di alcuni prati di Vancouver, Canada. Mentre l’area erbosa irrigata di un parco era caratterizzata da una temperatura superficiale di soli 16°, altre aree erbose della stessa zona non irrigate mostravano temperature fino a 34°. Si tratta di una differenza che, secondo i ricercatori, si spiega con l’aumento del flusso del calore latente e con varie alterazioni di altri flussi di energia superficiale. In sostanza si aggiunge umidità al suolo, proprio tramite l’acqua irrigata, e un quantitativo maggiore di energia dello stesso solo diventa un flusso di calore e ciò provoca la riduzione della temperatura della superficie e anche dell’aria.

Città con climi più secche sono quelle che beneficiano di più

I ricercatori hanno anche scoperto che le città caratterizzate da climi più secchi e caldi mostrano il potenziale di raffreddamento proveniente dall’irrigazione maggiore. Queste città dovrebbero dunque prendere seriamente in considerazione la regolare irrigazione degli spazi verdi per mitigare il calore urbano, in particolare durante le ondate di calore. Per evitare sprechi d’acqua si potrebbe realizzare una tecnica di irrigazione, spiegano i ricercatori, basata sul controllo continuo dell’umidità del suolo. Le città con problemi di approvvigionamento idrico potrebbero prendere in considerazione anche regimi di irrigazione basati sul controllo dei livelli di temperatura.[1]

Note e approfondimenti

  1. Irrigating urban green space for cooling benefits: the mechanisms and management considerations – IOPscience (DOI: 0.1088/2752-5295/ac6e7c)
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo