Osservato buco nero che “espelle” materiale quasi alla velocità della luce

e-MERLIN è un array di radiotelescopi con in base al Jodrell Bank Observatory, Regno Unito

Un team di ricerca ha osservato un particolare buco nero che espelle materiale quasi alla velocità della luce. I ricercatori dell’Università di Oxford hanno utilizzato e-MERLIN, un array di radiotelescopi del Regno Unito con in base al Jodrell Bank Observatory. Hanno inoltre utilizzato i telescopi VLA e MeerKAT.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Astronomy e potrà rivelarsi utile per comprendere ancora di più riguardo ai potenti getti che schizzano via dai buchi neri, soprattutto quelli supermassicci che si trovano al centro delle galassie.

I ricercatori hanno infatti individuato MAXI J1820 + 070, un buco nero situato a 11.300 anni luce di distanza da noi rilevato per la prima volta già a marzo 2018 caratterizzato da forti e veloci espulsioni di materiali. In realtà non si tratta di vera e propria “espulsioni” ma di materiali, soprattutto gas, che “rimbalzano” prima di essere risucchiati dal buco nero, ossia prima di superare l’orizzonte degli eventi, e schizzano via a velocità altissime.

I materiali schizzati via si spostano così velocemente che, per un effetto solo apparente, sembrano muoversi più velocemente della velocità della luce (è un fenomeno noto, solo apparente e conosciuto come movimento superluminale).

“Usando le nostre osservazioni radio siamo stati in grado di stimare meglio quanta energia è contenuta in queste espulsioni usando un nuovo metodo per questo tipo di sistema”, spiega Joe Bright, uno dei ricercatori del Dipartimento di Fisica di Oxford impegnati nello studio.
MAXI J1820 + 070 potrebbe essere una versione in miniatura dei buchi neri supermassicci che si trovano al centro delle galassie e che ne determinano tutto il movimento gravitazionale.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook