Ozono, scoperti tre composti nell’atmosfera “sconcertanti” e misteriosi

Credito: Free-Photos, Pixabay, 1149888

Tre nuovi composti chimici che hanno un ruolo nella distruzione dello strato di ozono sono stati scoperti nell’atmosfera terrestre. Si tratta di composti che il comunicato stampa relativo allo studio, apparso sul sito di Nature, definisce come sconcertanti in quanto continuano ad aumentare e sembrano provenire dalle fabbriche dell’Asia orientale.
Le tre misteriose sostanze chimiche sono state individuate dalla team di ricercatori di Martin Vollmer dei Laboratori federali svizzeri per la scienza e la tecnologia dei materiali a Dübendorf.

I ricercatori hanno analizzato vari campioni d’aria raccolti in varie parti del mondo con dei sensori usati per monitorare la presenza di gas nell’atmosfera terrestre. Hanno individuato tre composti idroclorofluorocarburi tra cui uno denominato HCFC-132b, che non era mai stato individuato nell’atmosfera globale. I ricercatori hanno scoperto che HCFC-132b è apparso nell’atmosfera, comunque, già 20 anni fa e che le sue emissioni globali hanno continuato ad aumentare fino al 2019.
I ricercatori hanno anche scoperto nell’aria altri due composti, HCFC-133a e HCFC-31, i cui livelli, nel corso del tempo, sembrano essere oscillati di più rispetto a quelli dell’HCFC-132b. Lo sconcerto arriva dal fatto che non si conoscono utilizzi industriali noti per queste tre sostanze.

HCFC-132b e HCFC-133a erano già state rilevate, in piccole quantità, nel sud-est della Francia ma la loro presenza non è stata più rilevata poi all’inizio del 2017 a seguito della chiusura di un impianto di produzione di fluorocarburi della zona. Secondo i ricercatori, tutti e tre i composti, probabilmente, vengono emessi “come sottoprodotti intermedi nei percorsi di produzione chimica”.
Lo studio, intitolato “Inattese nascenti emissioni atmosferiche di tre idroclorofluorocarburi dannosi per l’ozono”, è stato pubblicato su PNAS.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo