Particolare battito delle ali delle zanzare ha un ruolo anche nell’accoppiamento

Nuove scoperte per quanto riguarda l’aerodinamica delle zanzare, in particolare il suono del battito delle ali di questi insetti volanti, sono state fatte da ricercatori della Johns Hopkins University. I ricercatori hanno scoperto che il caratteristico ronzio che emettano le zanzare sbattendo le loro ali ha un ruolo nei rituali di accoppiamento.

Nello specifico i ricercatori hanno scoperto che le zanzare maschio tentano di “connettere” il proprio ronzio ad alta frequenza con il ronzio a bassa frequenza delle zanzare femmine. Per emettere questo ronzio particolare, i maschi sbattono le ali, organi lunghi e sottili, ad alte frequenze ruotandole rapidamente alla fine di ogni battito e ciò attrae in maschio che comincia un vero proprio inseguimento in “connessione” con l’eventuale partner.

Le stesse zanzare si sono evolute adattando la propria autonomia e la propria fisiologia del volo per svolgere un duplice compito nel corso del volo stesso: spostarsi e “flirtare” allo stesso tempo.
È proprio la rapida rotazione delle ali a generare il movimento affinché possano librarsi nell’aria e, allo stesso tempo, il “tono alare” nella direzione in avanti.
“Se sto parlando con te e giro le spalle, avrai difficoltà a sentirmi,” spiega Rajat Mittal, professore di ingegneria meccanica che ha eseguito lo studio insieme al professor Jung-Hee Seo. “Devono essere in grado di dirigere correttamente i loro suoni.”

Questo rapido sbattimento delle ali risulta più veloce e con un intervallo più breve rispetto ad altri insetti alati delle stesse dimensioni, come i moscerini della frutta. Ed è proprio per questo motivo che il ronzio delle zanzare ci risulta molto più fastidioso e in ogni caso più identificabile rispetto al ronzio di altri insetti volanti.
Secondo i ricercatori queste scoperte potrebbero essere di utilità per la costruzione di droni più silenziosi oppure per realizzare nuovi sistemi per sterminare le zanzare, e quindi i parassiti che trasportano.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook